MARIA
VALTORTA

Voglio che le anime possano bere alla Fonte vitale della mia parola

"Oh! miseri, miseri uomini superficiali che, anche se cattolici praticanti, così tiepidi siete per l’Idea, per il Cristianesimo, per la Chiesa, che sono l’Idea che è forza, potenza, coesione, vittoria, salvezza contro le armate umane ed extraumane dei servi del Dragone, meditate questa grande lezione che viene dagli èvi: quando l’inerzia, il peccato, o il consentimento a dottrine sataniche, permettono che i nemici di Dio e degli spiriti assalgano, distruggano, disperdano l’Idea unica, santa, vera, eterna - Dio - in ciò che lo predica e lo rappresenta, tutto, dico tutto viene disperso e distrutto, anche ciò che non vorreste lo fosse: il vostro personale egoistico bene, la fortuna familiare, la quiete, la famiglia stessa talora" (Lez. II Ep. ai Romani)

A A A

News


Pubblicato il 22/05/2020

Primo giorno della Novena di Pentecoste con riferimenti alle Opere di Maria Valtorta

   Inno allo Spirito Santo

   
   Vieni o Spirito Creatore, visita le nostre menti, 

riempi della tua grazia i cuori che hai creato.  

   
   O dolce Consolatore,

acqua viva, fuoco, amore, santo crisma dell'anima. 

  
   Dito della mano di Dio, promesso dal Salvatore, 

irradia i tuoi sette doni, suscita in noi la parola. 

   Sii luce all'intelletto, fiamma ardente nel cuore; 

sana le nostre ferite col balsamo del tuo amore. 
 

   Difendici dal nemico, reca in dono la pace, 

la tua guida invincibile ci preservi dal male. 
 

   Luce d'eterna sapienza, svelaci il grande mistero 

di Dio Padre e del Figlio uniti in un solo Amore. 

Amen.

 

   Meditazione e preghiera

   “Hai compassione di tutti, perché tutto tu puoi, non guardi ai peccati degli uomini, in vista del pentimento. Poiché tu ami tutte le cose esistenti e nulla disprezzi di quanto hai creato; se avessi odiato qualcosa non l’avresti neppure creata. Come potrebbe sussistere una cosa, se tu non vuoi?
   O conservarsi se tu non l’avessi chiamata all’esistenza? Tu risparmi tutte le cose, perché tutte sono tue, Signore, amante della vita, poiché il tuo Spirito incorruttibile è in tutte le cose. Per questo tu castighi poco alla volta i colpevoli e li ammonisci ricordando loro i propri peccati, perché, rinnegata la malvagità, credano in te, Signore.” (Sap.11,23-26; 12,1-2). 

   Spirito Santo, dono di Dio all’anima mia, io resto assalito dall’emozione e dall’ammirazione, pensando a Te. Non trovo nulla che possa dire la felicità intima che provo, sapendoti mio ospite dolcissimo e vita divina in me. Come acque inondanti, l’anima mia è sopraffatta dalla quiete, dall’amore, dalla contemplazione saporosa di Te. Io sono come attonito dinanzi a tanta degnazione; penso alla tua bellezza, stupenda oltre ogni dire e immaginare; penso alla tua inesauribile ricchezza di grazia, di doni, di virtù, di frutti e beatitudini. Penso alla tua tenera bontà, che Ti spinge ad abitare in me. Tu hai tutto, Tu puoi tutto, Tu mi puoi dare tutto. Sono in uno stato di ammirazione commossa, nonostante la mia miseria, che mi fa essere l’ultimo della terra. Ti benedico, Ti adoro, Ti ringrazio, Ti chiedo tutto. Dammi tutto, o Spirito Santo! 

 
   Rosario allo Spirito Santo oppure 7 Padre, 7 Ave, 7 Gloria al Padre


   Preghiera finale
 

   O Dio, che hai istruito i Tuoi fedeli

illuminando i loro cuori con la Luce dello Spirito Santo,

concedi a noi di avere nello stesso Spirito il gusto del bene,

e di godere sempre del Suo conforto.

   Per Cristo nostro Signore.

   Amen.

 

   Dai Quaderni, 9 aprile 1944. Pasqua di Risurrezione.

   Dice lo Spirito Santo:
   «Io sono il Consolatore. Io consolo coloro che lo sgomento accascia e l'oggi tortura. Io sono Quello che medica e addolcisce l'amarezza della Parola che parla la verità, la quale oggi è bene amara.
   In questo giorno che è il trionfo della Carità come il Natale ne è la più alta manifestazione – perché il Natale è l'inizio della Redenzione che è Carità operante, mentre la Pasqua è la Redenzione compiuta, la vittoria della Vita sulla Morte attraverso l'Amore sublimato all'olocausto volontario per darvi la Vita, e l'atto per cui fu possibile a Me di scendere in voi, risantificati dal Sangue di Dio-Figlio, per riunirvi a Dio-Padre con la Carità senza la quale Dio non può essere in voi e voi in Dio – Io vengo a dirti: confida ancora. Se anche tutto sembra perduto, confida. Se anche l'abisso del Male erutta i suoi demoni per straziare la Terra e fecondarla a generare l'Anticristo e l'abisso dei Cieli pare chiudersi per decreto del Padre da cui procediamo, Noi, il Verbo e lo Spirito, siamo ancora: operanti e amanti per salvarvi e difendervi. Io-Carità e il Verbo-Carità, Io-Santificazione e il Verbo-Redenzione non cessiamo l'Uno di effondere i meriti del suo Sangue, l'Altro i Carismi del Suo Potere per il bene di voi.
 Confida. L'Amore ha sempre vinto.»