MARIA
VALTORTA

Voglio che le anime possano bere alla Fonte vitale della mia parola

'A Colui che siede sul trono e all'Agnello
Lode, Onore, Gloria e Potenza,
nei secoli dei secoli'.

OPERA MINORE

A A A

QUADERNI DEL 1943 CAPITOLO 101


25 agosto 1943

   Dice Gesù:
   «Per Me non è diverso il grande che abita nelle regge o il pastore che dorme sull’erba in mezzo
al suo gregge. Siete tutti fratelli e figli miei, e per ricchi e poveri, per potenti e miseri, ho versato il mio Sangue.
   Non applaudo perciò a certe differenze che si stanno eseguendo ora. Non approvo le carneficine, quale che sia il luogo dove si compiono.Non le approvo perché contrarie alla carità e perché serio motivo ai deboli per disperare. Ma non approvo neppure che ci sia chi, sfruttando una posizione di privilegio, si salva lasciando altri luoghi sotto la tormenta diabolica. 
   Però sappi che Io sono là dove i miei soffrono. Sono perciò dove più vivo è il pericolo e imminente la sciagura. Là dove si muore, per opera dell’uomo, là è il Redentore che assolve e benedice.»